Contenuto Principale

Slow Food - Mobilitazione Anti Gisofato!

L'invito all'UE a riconoscere la libertà di decidere, nel merito,agli stati membri:i Paesi membri,secondo Slow Food,devono comportarsi come Austria e Germania, che hanno preso impegni concreti per mettere fuori legge il glifosato.

Slow Food ricorda che,due anni fa,l'UE ha prorogato,per cinque anni la possibilità di utilizzare quel prodotto,sebbene il Parlamento Europeo,proprio nel 2017, ne avesse deciso il bando,perché ritenuta sostanza,potenzialmente cancerogena,in base alle indicazioni dell'OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità)

Italia,insieme ad Olanda e Malta, seguendo l’esempio dell’Austria e della Germania, hanno introdotto restrizioni parziali sull’uso del glifosato nei rispettivi territori nazionali.

In Francia invece,il presidente Macron si è impegnato in un primo tempo a dichiarare fuori legge il glifosato entro il 2021, salvo poi fare marcia indietro e ritrattare quelle prime dichiarazioni, invocando la necessità di una fase di transizione per consentire ai coltivatori di rendersi progressivamente indipendenti dall’uso dell’erbicida.

Nonostante la legislazione francese non abbia ancora vietato del tutto l’uso del glifosato, però, non è già più consentito servirsene negli spazi pubblici o a titolo individuale. Sul finire di agosto, peraltro, venti sindaci francesi hanno stabilito di concerto di bandire il glifosato dai territori delle loro amministrazioni municipali, senza attendere il pronunciamento del legislatore nazionale. Anche la Danimarca, il Belgio, il Lussemburgo, il Portogallo e la Spagna hanno introdotto limitazioni in merito.

Per Slow Food è necessaria una mobilitazione,molto ampia e convinta,per far sì che nel 2022,non vi siano altre proroghe e il glisofato possa essere,definitivamente,vietato! Nel resoconto di Slow Food,rispunta il nome di una grande azienda,molto conosciuta,la Monsanto,che avrebbe interessa a proteggere questo prodotto,messo a punto dai propri ricercatori,negli anni settanta.

Chi desideri firmare la petizione di Slow Food,segua il link

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se non vuoi acconsentire all'uso dei Cookies puoi uscire dal sito oppure disattivarli direttamente dal tuo browser, ma non avrai garanzia d'accesso a tutti i contenuti del sito. Per ulteriori informazioni, clicca sulla nostra pagina privacy policy.