Contenuto Principale

Coldiretti:stop fotovoltaico mangia suolo!

Coldiretti vuole fermare l'avanzata del fotovoltaico,che "mangia suolo",togliendolo all'agricoltura.
Sì al fotovoltaico buono,quello sui tetti di stalle,cascine, magazzini, fienili, laboratori di trasformazione e strutture agricole.

Si tratta di una battaglia,condivisa da un ampio movimento d'opinione,che già da anni si pone questo problema.

La cultura delle energie rinnovabili ha impiegato tempo a farsi strada,ma poi certe scelte,come fotovoltaico,e anche quella delle pale eoliche,pure molto apprezzate,sono andate al di là delle aspettative,ponendo quesiti sulla reale sostenibilità,nel senso che l'impatto con l'ambiente e il suolo si sta rivelando critico.
Sono sistemi di produzione d'energia,molto validi,ma dovrebbero essere utilizzati,applicando le opportune cautele.

Per fermare il fotovoltaico mangia suolo,Coldiretti Giovani Impresa ha proposto una petizione,con raccolta firme:chi desidera far valere il proprio voto può utilizzare il sito www.giovanimpresa.coldiretti.it,oppure recarsi negli uffici della Coldiretti in tutta Italia, nei mercati e negli agriturismi di Campagna Amica.

In Abruzzo sono coinvolti i tre mercati coperti di Campagna Amica di Teramo, Pescara e Chieti e il mercato all’aperto di Sulmona oltre a tutti i presidi territoriali dell’organizzazione agricola, con decine di giovani impegnati nella raccolta delle firme che domani mattina si incontreranno in videoconferenza per le iniziative da mettere in campo.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se non vuoi acconsentire all'uso dei Cookies puoi uscire dal sito oppure disattivarli direttamente dal tuo browser, ma non avrai garanzia d'accesso a tutti i contenuti del sito. Per ulteriori informazioni, clicca sulla nostra pagina privacy policy.